Seguici su:

Eventi

Milano: Giuseppe Ungaretti. La vita inscritta nell’eterno

A 50 anni dalla morte del poeta

GIUSEPPE UNGARETTI, LA VITA INSCRITTA NELL’ETERNO
L’involontaria rivolta dell’uomo consapevole della propria fragilità

Come definire, individuare, il senso della poesia per Ungaretti? La sua parola è tesa a raccogliere l’urto della realtà, percossa anche quando gli istanti sono più sereni, quasi a percepirne in essa il segno dell’eterno. Più noto per i versi brevi dell’inizio che per quelli bellissimi e solenni della lunga stagione della sua vita. Il suo stile è come la sua vita: la presenza delle vicende del mondo nei versi lo fa moderno e al centro della contemporaneità. Un poeta da amare un uomo da scoprire.

Una serata straordinaria per ricordarlo a 50 anni dalla sua morte (1 giugno 1970) con un intenso dialogo con alcuni poeti e critici letterari quali:

Nicola Bultrini, poeta e scrittore, Roma
Giuseppe Conte, poeta e scrittore, Nizza
Roberto Galaverni, de “La Lettura” del Corriere della Sera, Berlino
Francesco Napoli, critico letterario Milano
Laura Piazza, attrice
e spezzoni del docufilm Rai di Gabrella Sica “Vita di un uomo”

L'evento potrà essere seguito sulla Pagina Facebook sul Canale You Tube e dal sito del CMC

Quando

Dove

Organizzato da

Personaggi